Android? "Doveva essere destinato alle fotocamere e non agli smartphone"

Parla Andy Rubin: Android era stato progettato non per gli smartphone, ma per fotocamere particolari

Logo Android

Andy Rubin

ha svelato i retroscena della nascita di Android, il mitico Robottino Verde che oggi è uno tra i protagonisti del mercato OS insieme alla Grande Mela, anche se iOS è installato su un numero decisamente inferiore di dispositivi. Non è superfluo sottolinearlo, perché Rubin, co-fondatore della creatura di Google, lo ha messo proprio in evidenza durante un recente dibattito: se oggi il sistema operativo di Mountain View va forte è pure perché, rendendo disponibile gratuitamente il pacchetto iniziale, Big G ha permesso che aziende e team di sviluppo potessero usufruirne nel migliore dei modi (la situazione, a dire il vero, sta creando non pochi problemi alla compagnia).


"Lo stesso sistema operativo che progettammo per le fotocamere - queste, le parole di Rubin al forum di economia di Tokyo - divenne Android per cellulari".


Questione di lungimiranza


Le prospettive sono cambiate presto, perché è come se il team avesse avuto l'impressione che tutto il lavoro svolto non avrebbe dato mai i suoi frutti con dispositivi dalla base sicuramente meno ampia di uno smartphone:


"Ci rendemmo conto che il mercato fotocamere non era davvero così ampio, e ci preoccupavano soprattutto Microsoft e Symbian, non ancora iPhone [che, però, adesso è il principale competitor ndr]".


La strategia iniziale ha funzionato:


"Volevamo che quanti più cellulari possibile usassero Android. Così, invece di far pagare 99, 69 o 59 dollari una licenza, lo rendemmo free".


Riuscireste mai a immaginare un mercato smartphone senza il Robottino Verde?

Via | Phone Arena

  • shares
  • Mail