Smartphone: ecco cosa dovresti sapere sulla sicurezza

Gli smartphone sono diventati i nostri “compagni di vita”: dalla mattina fino alla sera, con uno smartphone facciamo praticamente di tutto. Ma, c’è un ma…

Il nostro smartphone può diventare anche una sorta di “arma”, tra virgolette ovviamente. Stiamo parlando di sicurezza informatica e di privacy delle informazioni, due punti su cui tutte le aziende che sviluppano OS e software, ad esempio, puntano tantissimo, a giusta ragione.

Le nostre telefonate e i nostri dati sensibili potrebbero essere a rischio

Sapevate che criminali e cyber terroristi hanno la capacità di intercettare le telefonate e di rubare dati sensibili tramite del malware o addirittura tramite i network WiFi pubblici? Sapevate che il peggior posto per controllare il proprio conto bancario on line è un aeroporto o un bar? Tante persone lo fanno ma, in questi luoghi, è quasi si è molto a rischio.

I malware si nascondo in app che, una volta installate, possono prendere il controllo del nostro telefono oppure, ad esempio, rubarci video e foto, oltre che altri dati personali (come magari le password). Un danno inimmaginabile, anche se sul telefono non si hanno dati sensibili ma “solo” le foto del proprio amato o della prorpia amata, o magari dei video della propria famiglia. Google Android, ad esempio, è un sistema operativo che in passato è stato molto soggetto ad attacchi di sicurezza.

Come proteggersi

La chiave per proteggersi dai malintenzionati è solo quella di optare per un sistema operativo “sicuro”, da tenere costantemente aggiornato. Lo stesso dicasi per le app che si scaricano, occorre buon senso e scaricare software solo da fonti “certe”, come ad esempio gli app store ufficiali (da un punto di vista della sicurezza, l’app store di Apple è praticamente imbattibile).

La cosa fondamentale è, in ogni caso, il buon senso, che non dovrebbe mai mancare.

Via | huffingtonpost.com

  • shares
  • Mail