iPhone 6 sarà iPhone color, attacco alla fascia media?

Manca poco più di un mese al keynote del 10 giugno, in occasione della WWDC 2013 di San Francisco e le voci che concernono Apple e il suo nuovo iPhone diventeranno ogni giorno che passa sempre più incontrollabili.

Apple iPhone 6 color

 

iPhone 5S, iPhone 6 e adesso iPhone color - l’ultima perla sfornata dagli analisti, sì certo, bene informati ovviamente - che ora puntano su un prodotto di fascia media, colorato ma con caratteristiche avanzate.

La fascia media decide il mercato


Niente più iPhone economico, quindi, né un iPhone 5S, identico all’attuale ma con qualche miglioria tecnica cui i modelli S ci hanno abituati. Samsung spopola nel mercato degli smartphone, lo sappiamo, ma gli analisti hanno notato che è la fascia media quella più "pesante" quindi anche Apple potrebbe, e dovrebbe, essere attratta da questo segmento di mercato molto importante in termine di vendite e fatturati.

Ancora una volta uno schermo Retina da 4", nonostante anche un vecchio volpone come Donald Trump chieda a gran voce un display maggiorato sulla scia dei top smartphone 2013, per un telefono che a Cupertino mai vorrebbero al di sotto delle aspettative quindi molto simile all’attuale iPhone.

Chiaramente sarebbe meno costoso per allargare il ventaglio dell’offerta e incrementare ulteriormente la clientela della mela, seguendo la strategia che è stata di iPod nano prima e di iPad mini poi.

Prezzo accessibile ma caratteristiche al top


Mercati emergenti per questo modello quindi, anche se 350/450 dollari, verosimilmente 399 dollari nella versione di ingresso, non sono certo cifre "emergenti". Più semplicemente mercati in cui c’è molto richiesta di un telefono di Apple ma lontano dai prezzi proibitivi con i quali da Cupertino ci hanno da sempre abituati.

Più facile pensare a un doppio iPhone con cui continuare ad alimentare la solita fascia alta che, dopotutto, pare rispondere bene in tutto il mondo, e un iPhone decisamente più accessibile ma che non snaturi le caratteristiche del telefono che debuttò nel 2007.

Una bella sfida per Apple, ormai giunta a un bivio tra lussuosa tradizione e mercato sempre più di massa, con smartphone sempre più avanzati ma i cui prezzi iniziano pian piano a scendere. La classica quadratura del cerchio questa volta possibile anche se, c’è chi continua a ribadire, improbabile.

Via | Digitimes

  • shares
  • Mail