Dottor Mobile: come risalire al puk di una sim bloccata per errata digitazione del pin? (Parte 2: Tim, Vodafone e H3g)

DOTTOR MOBILE Dopo aver illustrato come risalire al codice puk di una sim Wind per poter rispondere alla richiesta fatta dall nostra lettrice Federica, Dottor Mobile pensa che possa essere utile vedere lo stesso problema dal punto di vista dei clienti degli altri principali gestori. Procedere allo sblocco di una sim dopo aver digitato in maniera errata il pin non è sempre possibile se si smarriscono i codici di sicurezza ricevuti all'attivazione.

Nel caso visto la situazione era complicata ulteriormente dal fatto che non si ricordava il numero telefonico e non si aveva la certezza su chi fosse l'intastatario dell'utenza. Come già detto conoscere i dati dell'intestario è fondamentale per poter procedere al recupero delle informazioni.

In casa Tim è assolutamente necessario ricordarsi anche il numero di telefono associato alla scheda in quanto è l'unico mezzo per poter risalire alla relativa anagrafica. Questo non è comunque sufficiente al reperimento dei codici di sicurezza, che non vengono memorizzati sui sistemi informativi: bisogna quindi fare attenzione al materiale che viene fornito all'atto dell'attivazione. In casi più normali (numero di telefono noto), la scheda bloccata può essere sostituita presso un centro Tim dall'intestario, mantenendo credito, promozioni e tariffa attiva.


Passando ad H3g, l'intestatario della usim può recarsi presso un centro 3 autorizzato e, fornendo il proprio Codice Fiscale, può risalire a tutte le utenze associate alla sua anagrafica: oltre al numero di telefono i sistemi forniscono anche tutti i codici pin e puk della usim. Se si procede sin dall'inizio alla registrazione nell'Area clienti del sito internet, loggandosi è possibile conoscere i codici di sicurezza della usim: il nome utente per l'autenticazione è però costituito proprio dal numero di telefono. Da una utenza si possono tenere sotto controllo tutte le altre intestate alla stessa persona: non si tratta di una cosa automatica, come succede per Wind, ma è necessario procedere ad una associazione delle varie usim.

Infine vediamo cosa succede per Vodafone: gli operatori del 190 possono fornire all'intestario dell'utenza tutte le informazioni a partire dal codice ICCID, comprese quelle relative ai codici di sicurezza. Anche nel caso di Vodafone, loggandosi all'area 190 fai da te su internet si possono conoscere i codici di sicurezza: bisogna effettuare la registrazione della sim e l'associazione delle varie sim intestate alla stessa persona.

Screenshot area clienti per recuper pin e puk
190 fai da te (1)
190 fai da te (2)
Area clienti 133

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: