HTC, tutti i problemi dall'HTC First alla produzione

HTC è una delle più grandi compagnie nella fetta di mercato mobile con sistema operativo Android, ma sta comunque vivendo un periodo di grandi difficoltà: dall'insuccesso dell'HTC First, unico smartphone lanciato con Facebook Home già integrato, ai ritardi nel sistema produttivo. Cosa sta succedendo?

HTC continua a perdere dipendenti importanti a ritmo incessante. Tra questi annoveriamo Jason Gordon, vice presidente delle comunicazioni globali di HTC, il Chief Product Officer Kouji Kodera, responsabile per la strategia di prodotto globale di HTC, la Global Retail Marketing Manager Rebecca Rowland, il direttore del marketing digitale John Starkweather e il responsabile della strategia di prodotto Eric Lin. Cosa sta avvenendo in HTC in questo momento?

Azienda in caduta libera


Una fonte cerca di spiegare la fuga di dipendenti a The Verge:

Chiunque abbia sentito parlare di loro a Seattle non vuole andare a lavorarci in questo momento. Sono come T-Mobile, due anni fa. Sono in caduta libera totale.

In realtà la situazione di crisi in HTC è nota da tempo. I due smartphone di punta, l'HTC One X dello scorso anno e l'attuale ammiraglia HTC One, non sono riusciti ad avere la meglio contro gli smartphone della diretta concorrente, Samsung, che ancora domina il mercato Android.

Il fallimento di HTC First

Tra i grandi fallimenti recenti di HTC c'è anche il "Facebook phone", l'HTC First, introdotto ad aprile insieme al launcher di Facebook. Secondo alcune fonti interne, Facebook aveva inizialmente deciso di lanciare la versione scaricabile di Facebook Home con un ritardo significativo, dando all'HTC First un certo periodo di esclusività. Facebook ha poi cambiato rotta e ha reso il launcher disponibile al download la settimana dopo il lancio. HTC First ne ha quindi sofferto tanto da vedere il proprio prezzo ridursi da da $ 99 a soli 99 centesimi con contratto. Le vendite risultano comunque un disastro.

Le colpe del CEO


Le colpe di tutta questa crisi sono da ricercare anche nella gestione della compagnia. Il co-fondatore e CEO di HTC Peter Chou, che ha promesso di dimettersi se l'HTC One non si rivelerà un successo, è stato spesso accusato di prendere decisioni affrettate in luogo di una strategia a lungo termine. A quanto pare i dipendenti HTC hanno avvisato Chou della possibilità di ritardi nella produzione dell'HTC One, ma Chou non ha voluto agire. I vincoli di produzione dell'ammiraglia HTC l'hanno penalizzata proprio nel momento in cui la concorrente Samsung lanciava il suo Samsung Galaxy S4.

Via The Verge

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO