Fleksy, la tastiera predittiva per iOS

Fleksy e la keyboard app di Syntellia pensata per l’utilizzo da parte degli ipovedenti e per facilitare l’esperienza di scrittura rendendola più fluida e funzionale.

Per molti di coloro che scelgono di comprare un dispositivo mobile, sia esso uno smartphone o un tablet, le capacità di videoscrittura offerte dal suddetto dispositivo sono un fattore molto importante. Gli sviluppatori si rivolgono a questo particolare con diverse soluzioni che per lo più coinvolgono l’inserimento di un correttore automatico.

È ormai requisito fondamentale la presenza di una tastiera di tipo QWERTY che renda davvero possibile scrivere fluidamente e rapidamente un qualsiasi tipo di messaggio: BlackBerry ad esempio ne ha fatto il proprio blasone commerciale.

Cos’è Fleksy


In uno smartphone full-touch la responsabilità di consegnare un’esperienza di scrittura adeguata è consegnata al sistema di predizione.
La principale differenza nella videoscrittura tra un pc o un portatile ed un dispositivo mobile è la necessità di guardare dove si sta digitando. La tecnologia creata da Syntellia, di cui Androidspin ci offre un hands-on, punta ad eliminare il problema legato alla precisione dei tap che avvengono sullo schermo, permettendo di comporre un testo “anche se avete sbagliato ogni singolo pulsante”.

L’app per iPhone, pensata per l’utilizzo da parte di ipovedenti, oltre a rendere più ampia l’area dattilografica avrebbe quello che gli stessi creatori definiscono “il più potente sistema di predizione del testo”. Tra le funzionalità del correttore automatico c’è la possibilità di cambiare la parola selezionata con pochi semplici “swipe” e di aggiungerla o eliminarla dalla lista di vocaboli archiviati.

La tastiera virtuale sembra funzionare in maniera davvero liscia ed intuitiva ed è inoltre piuttosto apprezzabile dal punto di vista estetico, offrendo un’interfaccia elegante e piacevole da utilizza con suoni opzionali e, se necessario, feedback vocale.

L’app è disponibile per iPhone, naturalmente su iTunes, mentre la versione per Android.

Via | Androidspin.com

  • shares
  • Mail