Vodafone chiede un miliardo di euro a Telecom per abuso di posizione dominante

Vodafone ha chiesto a Telecom il risarcimento di un miliardo di euro per abuso di posizione dominante: i fatti risalirebbero al periodo 2008-2013

Vodafone Sta facendo molto discutere la causa intentata da Vodafone a Telecom che comporterà, se tutto dovesse andare come programmato dalla compagnia, l'esborso di un miliardo di euro di danni: una cifra enorme che ostacolerà senz'altro i piani economico-finanziari della presunta azienda colpevole. Cosa è successo esattamente? Il fatto è di facile spiegazione.

Molti di voi sanno che tra il 2008 e il 2013 Vodafone si era impegnata a costruire un business sulle comunicazioni tramite rete fissa: strategia che, ovviamente, necessitava pure dell'appoggio di Telecom: quest'ultima avrebbe dovuto fornire la propria rete, per consentire a Vodafone di lavorare indisturbata; peccato che lo abbia fatto solo certe volte, chiedendo cifre da capogiro: molte altre, invece, ha negato l'accesso “con il vero intento di negare la crescita di Vodafone e limitare la concorrenza sul mercato".

La richiesta di un miliardo di euro, insomma, non è esagerata: il periodo di tempo corrisponde a circa cinque sei anni e i danni per Vodafone sono stati significativi, visto che il business pare non essere decollato come voleva. Telecom, da parte sua, ha negato qualsiasi accusa di questo tipo e si è affidata alle autorità competenti: le indagini sono ancora in corso e solo tra qualche settimana potremo sapere chi ha ragione fra le due aziende.

Un'altra brutta notizia per Telecom

Si tratta della seconda brutta notizia per Telecom, che già in questi ultimi mesi ha dovuto ingoiare un altro boccone amaro, quando Tre ha rifiutato di procedere alla fusione con l'azienda, perché non c'erano più le condizioni. Visto che - si sa - non c'è due senza tre, preparatevi a qualche altra notizia di questo tipo: cosa succederà?

Via | Mobileworldlive

  • shares
  • Mail