QSAlpha Quasar IV, super smartphone Android che punta sulla sicurezza

Si chiama QSAlpha Quasar IV ed è uno smartphone Android che promette grandi sorprese

Foto QSalpha Quatar IV Forse QSAlpha Quasar IV non ha proprio un nome facile da pronunciare, ma, stando alle specifiche tecniche pubblicate, sembra essere uno di quegli smartphone Android particolari che, pur non facendo molto rumore, non passano inosservati. Certo, parliamo di un telefono non ancora arrivato alla fase di produzione e distribuzione, ma le somme raccolte su Indiegogo per il momento sono molto soddisfacenti (per chi non lo sapesse, il sito è una piattaforma di crowfunding che serve a finanziare numerosi progetti e che finora ha consentito la nascita di numerosi dispositivi).

Ma vediamone la scheda tecnica:


  • QuaOS: Android 4.3 pesantemente personalizzato da Quatrix;

  • Display Sharp IGZO da 5 pollici con risoluzione di 1920 x 1080 pixel;

  • Corning Gorrilla Glass III;

  • Qualcomm Snapdragon 800 Quad-Core da 2.3GHz;

  • GPU with OpenCL, supporto OpenGL ES3.0;

  • 3 GB di RAM (LP-DDR3);

  • 64GB/128GB (eMMC) memoria interna;

  • Slot MicroSD;

  • Fotocamera posteriore Sony da 13 megapixel;

  • Fotocamera anteriore da 8 megapixel;

  • Supporto reti FDD-LTE | TDD-LTE | UMTS | CDMA2000 | GSM;

  • Nano-SIM;

  • GPS, WiFi (a/b/g/n/ac), Bluetooth 4.0, NFC;

  • Sensori: Giroscopio, Gravità, Prossimità, Compass, Termometro, Barometro e Atmosfera;

  • Batteria da 3,300mAh;

  • Certificazione IP57 water proof.


QSAlpha Quasar IV punta tutto sulla sicurezza


A prescindere dall'hardware, va detto che il telefono punta tutto sulla sicurezza: il produttore, in effetti, ha spiegato che è realizzato con un sistema di crittografia dei dati avanzato, quasi uguale a quello utilizzato in ambito militare. Non sappiamo ancora, però, in cosa consiste la sicurezza promessa e comunque mancano pure indicazioni sul prezzo (e su eventuali release europee). Se il telefono vi fosse proposto a cifre abbordabili, ci fareste un pensierino oppure siete convinti che non ci sia alternativa ai produttori più conosciuti?

  • shares
  • Mail