Samsung promette di eliminare il blocco SIM dagli smartphone

Samsung ha preso la sua decisione: eliminerà il blocco SIM da smartphone e phablet il prima possibile

samsung La frustrazione di alcuni clienti Samsung ha spinto la compagnia a intervenire e promettere di eliminare il blocco SIM da smartphone e phablet. A nostro avviso, il problema non era gravissimo, perché bisogna pure chiedersi quante sono le possibilità che un utente medio abbia di viaggiare qua e là per il mondo, tra l'Europa e tutti gli altri continenti: sono diversi, però, coloro che hanno segnalato il problema ed è anche giusto prendere in considerazione le loro richieste; in fin dei conti, smartphone e tablet - soprattutto quelli di ultima generazione - dovrebbero fornire la migliore esperienza possibile a un utente che ha speso non pochi soldi per entrarne in possesso.

Consapevole di questo, Samsung ha deciso di eliminare il blocco della SIM: per chi non lo sapesse, tale blocco impedisce il funzionamento di qualsiasi device fuori dal mercato continentale di appartenenza; se compro lo smartphone in Europa, insomma, non potrò utilizzarlo in America: pensate quanto possa essere frustrante una situazione del genere per chi viaggia spesso o ha esigenze particolari. Certo, Samsung lo ha fatto per contrastare il mercato nero, però anche le motivazioni di questi utenti sono importanti.

Vediamo come cercherà di risolvere la situazione, partendo proprio dalle dichiarazioni ufficiali:

"Cerchiamo di fornire ai nostri clienti un’esperienza utente semplice e gradevole, pertanto è una delle nostre priorità prendere a cuore la loro reazione- Non ci aspettavamo che la restrizione delle SIM sui nostri dispositivi provocasse un tale grado di insoddisfazione. La funzione regionale di blocco SIM rimarrà, almeno per il momento, in vigore sugli ultimi prodotti di Samsung, tuttavia stiamo attualmente indagando su un nuovo modo di ottimizzare e semplificare questa procedura per fornire ai nostri clienti la soddisfazione totale ma abbiamo bisogno di tempo".

Quando dovremo aspettare? E, soprattutto, secondo voi, quale soluzione adotterà per il problema?

  • shares
  • Mail