Google deposita brevetto per le scocche sensibili al tocco

Scocche sensibili al tocco nel futuro dell'offerta Google? Il deposito di un brevetto lo fa pensare

smartphone google Anche se non rappresenta una novità, non si può certo dire che la tecnologia che Google sta sviluppando sia roba da poco: parliamo, infatti, del deposito di un brevetto che prevede l'uso di smartphone e tablet attraverso la scocca esterna e non solo tramite touch screen. Cerchiamo di vedere tutti i dettagli, partendo da una foto che comunque non dice tutto sulla tecnologia alla quale i laboratori del colosso aziendale starebbero lavorando.

Si parlava di questi brevetti sin da sette mesi fa, quando emerse in rete la possibilità di interagire tramite touch anche con la scocca esterna dello smartphone; oggi sappiamo qualcosa di più: alla scocca potrebbero essere impartiti, in futuro, diversi controlli, non solo con touch screen ma anche con gesture; le azioni ipotizzate sono Squeeze, Splay e Shear, le quali sono associate, ovviamente, a funzionalità diverse.

Ricordiamo che pure la società Oppo non ha mai abbandonato l'idea di utilizzare tutte le parti del device, e non solo il display tramite touch screen; l'ultimo telefono, Oppo N1, è per esempio dotato di pannelli sensibili al tocco; ma non parliamo solo di Oppo: anche NEC, per citare una società non molto conosciuta ma comunque da non sottovalutare affatto, ha presentato device controllabili tramite pressioni sulla scocca esterna. Il panorama, insomma, è molto variegato e sicuramente il futuro ci regalerà grosse sorprese in questo senso: cosa vi aspettate dalle compagnie?

  • shares
  • Mail