Apple: "Copiando iPhone, Samsung ha minato la percezione della nostra azienda"

Duro attacco di Apple all'acerrima rivale Samsung

foto samsung apple

Apple non ha certo paura di esporsi, soprattutto in un periodo così favorevole a livello giudiziario: sappiamo tutti che la compagnia è in causa con Samsung, perché quest'ultima avrebbe copiato iPhone pari pari con il suo primo Galaxy S. Siccome la vicinanza tra i due dispositivi è piuttosto evidente, e i coreani hanno già versato parecchie centinaia di migliaia di euro come risarcimento, la Mela Morsicata è tutt'altro che poco sicura del fatto suo: lo capiamo dalle ulteriori dichiarazioni che Phil Schiller, vice presidente dell'azienda, ha rilasciato oggi.

Recentemente aveva spiegato che iPhone è stato molto rischioso per Apple, facendo intendere che Samsung fosse andata sul sicuro, proponendo qualcosa di già visto:

“C’erano degli enormi rischi con il primo iPhone. Era una scommessa per l’azienda visto che stavamo facendo di nuovo bene con l’iPod. Abbiamo quindi deciso di investire tutte le nostre risorse (sia finanziarie che umane) nella creazione di questo nuovo prodotto”.

Oggi, invece, le dichiarazioni sono state ancor più dirette:

"Sono rimasto sorpreso di constatare che avevano copiato l’iPhone. Ecco ciò che minerà la percezione di Apple nel mondo, pensai".

Minare la percezione dell'azienda può avere tanti significati, ma nessuno di questi, ovviamente, è positivo: è chiaro che, copiando iPhone, Samsung ha mandato in confusione il consumatore finale, che - secondo Phil Schiller - si sarebbe trovato dinanzi a due prodotti fondamentalmente simili. C'è anche da dire, però, che iPhone oggi è un marchio ben definito e distinguibile e che quasi nessuno confonderebbe i due prodotti: insomma, siamo dinanzi a dichiarazioni ambigue che hanno un solo obiettivo, quello di portare acqua al proprio mulino.

Dite che Apple riuscirà a far sborsare a Samsung altro denaro?

  • shares
  • Mail