Accordo IBM e Oracle: Java e l'impatto su Android

oracle

Oracle ed IBM si sono associate per collaborare ad una versione di Java completamente open-source e questa mossa potrebbe avere un grande impatto sul sistema operativo mobile Android di Google. IBM ed Oracle svilupperanno quindi un OpenJDK e ci si aspetta che sia l'area di maggiore impiego di impegno delle due compagnie.

InfoWorld ha provato a valutare quanto questo possa impattare su Android, visto e considerato che tutte le applicazioni sono scritte in Java basato sull'Harmony Project. Questo progetto ha radici profonde anche con IBM ma è altamente probabile che le risorse impiegate fino ad ora per portare avanti il codice attuale potrebbero essere spostate sulla nuova collaborazione tra IBM e Oracle.

Google contribuisce al progetto OpenJDK, ma ha esposto anche le proprie paure riguardo il futuro di Android, sottolineando come, a parere loro, andrebbero dedicate maggiori risorse al progetto Harmony.

L'incrinamento dei rapporti però si è palesato nel momento in cui Oracle ha fatto causa a Google per i brevetti Java presenti in Android. Oracle aveva ottenuto tali brevetti quando aveva investito circa 5 miliardi di dollari per acquistare Sun ed alcuni avevano malignato che il prezzo di acquisto fosse volutamente alto poichè erano inclusi anche i dardi avvelenati (legalmente parlando) con cui colpire Google.

Google ha considerato le accuse “totalmente senza basi” e ha chiesto che la causa fosse archiviata. Essenzialmente, Google afferma di non aver violato i brevetti in questione e che, anche qualora lo avesse fatto, tali brevetti non fossero più validi.

Questi problemi nei rapporti non sono emersi quando Android è stato presentato, poichè agli inizi non sembrava una così evidente fonte di introiti. Ora che il piccolo androide è su un razzo verso la Luna ed ha già coperto i costi di investimento, molte compagnie guardano a Google con occhio esoso.

Questa non è l'unica battaglia legale che Android ha all'orizzonte, poichè anche Microsoft ed Apple stanno facendo causa alle compagnie che producono smartphone basati su Android. Di certo è troppo resto per dire come si evolveranno le cose, ma la via di conciliazione più probabile sarà quella di accordo di spartizione sulle licenze del sistema.

[Foto | Flickr]

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: