OwnFone, un telefono personalizzabile in Braille con tastiera stampata in 3D

Il design è estremamente semplice, ci sono pochi tasti e ciascuno ha una scritta in Braille personalizzata per chiamare amici, parenti e assistenti personali.

GUARDA: terminali stampati in 3D OwnFone

L’idea di una piccola startup di Londra, OwnFone, è molto semplice: produrre un telefono estremamente compatto ed economico, stampando in 3D fronte e retro. Questo guscio esterno oltre ad essere robusto può anche essere completamente personalizzato. Pensato per i non vedenti, generalmente i tasti disponibili dovrebbero essere dotati di testo in linguaggio Braille, con collegamenti rapidi a familiari, amici, lavoro o servizi di emergenza. Per chi non può leggere il Braille ovviamente si può stampare con caratteri alfabetici in rilievo.

L’OwnFone è per il momento disponibile solo in Inghilterra con qualche piano di espansione anche sul continente europeo, e costa £60 - la produzione basata su stampa 3D è veloce e per questo la personalizzazione in Braille non è un problema, e i costi sono piuttosto bassi. Secondo l’azienda, non ci sono apparecchi simili sul mercato, se si escludono i piccoli comunicatori “salvavita” che sono - a loro parere - decisamente più limitati.

LEGGI: 21 febbraio, giornata internazionale del linguaggio Braille

Possono essere aggiunti da due a quattro tasti in linguaggio Braille, e il design può essere finalizzato direttamente sul sito del produttore.

Altri modelli


In effetti OwnFone è quasi una “veterana” della stampa tridimensionale di apparecchi telefonici. Nel 2012 ha proposto il primo terminale OwnFone a essere parzialmente prodotto con questa metodologia, che può essere personalizzato con mascherine colorate, scritte e persino le fotografie delle persone da chiamare. L’anno successivo ha creato 1stFone, un micro-cellulare grande non più di una carta di credito e dotato di tasti personalizzabili, pensato per l’infanzia.

Il telefono Braille è una evoluzione naturale di questi device robusti, economici ed estremamente semplici. Il loro piano è di espandere l'offerta con un 2ndFone per i ragazzini un po' più grandi e un WorkFone, un terminale ultra-limitato da distribuire al personale di un'azienda che richiede comunicazioni molto dirette.

PROJECT RAY, SMARTPHONE ANDROID PER NON VEDENTI CREATO IN ISRAELE

Via | BBC

  • shares
  • Mail