Gingerbread. Molte le novità della versione 2.3 di Android

Grandiose notizie per tutti gli utenti di smartphone Android. Google, nella giornata di ieri, ha finalmente annunciato la disponibilità, entro breve, di Gingerbread, la nuova versione 2.3 del proprio sistema operativo. Nonostante quello che la maggior parte delle persone possono pensare, non si tratta di una minor release, visto che le novità sono molte e riguardano numerosi differenti ambiti di utilizzo.

Quella più immediatamente evidente riguarda alcuni ritocchi all'interfaccia utente, che è stata semplificata e resa più semplice e veloce da utilizzare. Cambiato anche il colore di menù e barra delle notifiche, ora su sfondo nero. Un'altra novità apprezzatissima è quella che riguarda la tastiera virtuale su display, che diviene più comoda da utilizzare, con tasti ridisegnati in modo da garantire una maggiore velocità di scrittura. Introdotta anche la possibilità di correggere una parola introdotta in precedenza nel dizionario dei suggerimenti e, ancora, quella di utilizzare il tasto shift per inserire una lettera o un numero senza dover cambiare modalità di inserimento.

Migliorata anche la funzionalità di copia ed incolla, per attivare la quale ora basta mantenere premuta una parola qualsiasi, che verrà subito selezionata. Ancora, è ora possibile monitorare con notevole efficienza il consumo di batteria da parte delle applicazioni ed effettuare chiamate VOIP senza alcun bisogno di software di terze parti, grazie al supporto nativo al protocollo SIP introdotto da Google.
Ma non è ancora finita, visto che Gingerbread supporta, ora, la presenza di più fotocamere (chi ha detto videochiamata?), un nuovo gestore di download e, soprattutto, la tecnologia NFC (Near Field Communications) , che consente, nei telefoni dotati dell'hardware necessario, l'interazione fisica con vari oggetti presenti nel mondo reale.

Questo per quel che riguarda l'utente finale, ma anche lato sviluppatori le novità non sono poche, con la presenza di una nutrita gamma di nuove API particolarmente adatte a chi vorrà programmare videogiochi , visto che molte di esse riguardano l'accesso diretto all'hardware audio e video, l'utilizzo del giroscopio, la presenza di nuovi codec audio e video, l'utilizzo di un kernel Linux 2.6.35 di un nuovo stack Bluetooth, un ulteriore miglioramento della macchina virtuale Dalvik, che diviene ancora più veloce e la compressione di default dei dati scambiati come XML o JSON, che può portare, secondo Google, a miglioramenti delle prestazioni nell'utilizzo di alcuni servizi di rete, che possono arrivare a ridurre anche del 60% i tempi di attesa.

Insomma, 'Pan di zenzero' è tutto fuorché una minor release...

[Via Android Developers Blog]

  • shares
  • Mail