Kazuo Hirai di Sony parla del PlayStation Phone

Kazuo Hirai

Il responsabile della sezione gaming di Sony, Kazuo Hirai (che, secondo alcuni analisti, diventerà il prossimo presidente Sony), ha risposto ad alcune domande che hanno agitato la blogosfera in questi giorni: c'è davvero un fantomatico nuovo dispositivo portatile Sony per il videogioco che diverrà il successore della PlayStation Portable? Riuscirà Sony a crearsi un nuovo spazio nel mercato del casual gaming attualmente vincente su iPhone e terminali Android? Che tipo di smartphone/console portatile sarà, definitivamente? Hirai è rimasto abbastanza evesivo sui dettagli, ma ha confermato come Sony stesse pensando ad un successore nel campo dei videogiochi sin dal giorno in cui la console PlayStation è stata lanciata sul mercato.

Secondo quanto Hirai ha suggerito, un nuovo dispositivo di gioco deve avere sia i controlli touchscreen che i bottoni fisici convenzionali. Nonostante la popolarità dei videogiochi casual cresca sugli smartphone, Sony vuole continuare ad avvicinarsi a videogiocatori di un altro tipo, che apprezzano esperienze di gioco più complete e sofisticate tramite titoli tradizionali per console. Secondo il responsabile Sony:

I giochi che vengono fruiti su piattaforme Android ed Apple sono fondamentalmente diversi dal mondo di giochi "immersivi" che Sony Computer Entertainment e PlayStation cercano. La base di fan a cui si rivolge Sony è sempre quella degli amanti di giochi intensi.

Quando la PlayStation Portable è stata lanciata sul mercato, ormai sei anni fa, doveva combattere contro le console portatili di Nintendo; oggi sia Sony che Nintendo devono vedersela contro un rivale ancora più grosso, i videogiochi a basso costo acquistabili tramite iPhone, iPod touch, smartphone e cellulari Android. Prendiamo ad esempio uno dei giochi più popolari nel panorama attuale di mobile-gaming: Angry Birds, scaricato 50 milioni di volte su cellulare. Come farà, quindi, Sony a stupire i videogiocatori? Nuovi controlli, che consentano sia il touch che i tasti fisici per impegnarsi in titoli più complessi, quindi il PlayStation Phone combinerà i due aspetti.
Mr. Hirai said the fast rise of casual games could in fact be good for Sony’s gaming business.

Hirai rimane comunque molto cauto riguardo al PlayStation Phone: non vuole che i videogiocatori siano confusi e chiedano quale sia la differenza tra questo dispositivo e una PSP, quindi l'idea è quella di creare un prodotto con un messaggio ben distinto. È probabile inoltre che lo smartphone in questione integri anche un servizio di musica in streaming, Music Unlimited, basato su cloud. Come riuscirà Sony a distinguere concretamente un PlayStation Phone dalla propria console Portable? Quale strategie metterà in atto?

[Via New york Times | Engadget]

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: