Onyx, lo smartwatch con display e-ink compare come prototipo

Uno smartwatch con display e-ink potrebbe essere un vero uovo di colombo, o per lo meno risultare estremamente invitante a causa del dispendio energetico molto contenuto.

Le prime voci a riguardo di uno smartphone/e-reader con schermo e-ink marchiato Onyx sono filtrate a marzo, quando abbiamo avvistato al CeBIT di Hannover un concept di Onyx. A distanza di mesi e mesi si parla di uno smartwatch e-ink, un prototipo venuto alla luce grazie al blog specializzato ARMdevices. Deve essere un apparecchio piuttosto complicato da progettare, specie se si vuole evitare un drammatico buco nell’acqua.

I display e-ink hanno i loro pregi e difetti. Tra i pregi c’è ovviamente la relativa economia di questa tecnologia, e ancora meglio, il dispendio energetico estremamente contenuto, che potrebbe far funzionare uno smartwatch per settimane prima di doverlo riattaccare alla microUSB (o a un connettore magnetico, come pare essere in questo caso). Sull’altro piatto della bilancia c’è la forzata monocromia e la lentezza geologica del rendering.

onyx-smartwatch

Il prototipo si chiama SOSMART, che non è un nome davvero fantastico, e che probabilmente sarà sostituito quando sarà tempo di avviare la produzione. Si tratta di un orologio con un display da 1.57”, ovviamente con interfaccia touch. Il prototipo, tanto per essere chiari, non ha ancora il touchscreen, ma usa tre pulsanti laterali, che saranno rimossi nella versione definitiva.

Il SOSMART sembra essere progettato per connettersi tramite Bluetooth e fornire una scorciatoia per le notifiche del nostro smartphone, che è certamente la funzione più desiderabile in assoluto per uno smartwatch. L’orologio è resistente all’acqua, probabilmente molto leggero e sarà disponibile in vari colori e finiture. Secondo quanto ci è dato di capire sarà dotato anche di un GPS, avrà funzioni di fitness tracking come il contapassi e avrà un cuore Android.

Purtroppo non ci sono ancora informazioni sull’effettiva durata della batteria, che sarà certamente il punto di forza più significativo del device rispetto ai concorrenti, che oggi non riescono a durare più di qualche giorno.

  • shares
  • Mail