Quattro chiacchiere sulle batterie fuel-cell


Girovagando tra gli stand ho incocciato una curiosa vetrina, nello stand Toshiba, dedicata agli ultimi sviluppi delle batterie fuel-cell alimentate con il metanolo; mi è arrivato subito in soccorso il Chief Specialist del progetto Toshiba fuel-cell con cui ho avuto modo di scambiare una piacevole chiacchierata.

In Giappone esistono già in commercio alcuni modelli di cellulari alimentati a metanolo, un sistema che - secondo il supertecnico - permette di alimentare un telefono cellulare per ben 5 giorni senza dover ricaricare. La cosa però più interessante è che se il sistema di alimentazione viene integrato nel telefono (come in alcuni modelli sviluppati da Toshiba tra il 2005 e il 2006), non c'è più alcuna necessità di avere un caricabatterie. Il telefono viene in questo caso alimentato/caricato dal metanolo disponibile nel serbatoio del cellulare.

Al momento sono due i limiti alla diffusione del nuovo sistema di alimentazione: i divieti delle compagnie aeree che non permettono di ospitare apparecchiature caricate con benzine e il costo di produzione ancora troppo alto. La soluzione al primo problema dovrebbe arrivare entro il 2006 con un nuovo regolamento delle compagnie aeree che permetterebbe di portare in cabina cellulari con alimentazione a metanolo, mentre per il secondo limite bisognerà aspettare che le richieste aumentino per poter ridurre i costi di produzione.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: