Meno Google Apps sugli smartphone, diminuiscono le app preinstallate

google-apps.png

Una bella notizia per chi non ne poteva più di tutte quelle applicazioni preinstallate su Android: stando alle ultimissime, infatti, tablet e smartphone non dovranno per forza proporvi un certo numero di Google Apps; a intervenire è stata Google stessa, ora azienda di Alphabet, che ha svincolato da alcuni limiti tutti i produttori di smartphone. Cerchiamo di fare il punto della situazione.

Pur essendo Android open source, e dunque pur essendo modificabile a piacimento da ulteriori sviluppatori, ciò non vuol dire che Google consenta tutto a tutti in tutte le circostanze: l'azienda, infatti, per l'installazione delle Google Apps imponeva, almeno fino a poco tempo fa, che fosse presente un certo numero di software preinstallati nello smartphone; da oggi non sarà più così - come vi dicevamo -, perché molte delle applicazioni che prima erano obbligatorie adesso non lo sono più.

Uno dei produttori ad aver approfittato dell'assenza di questi limiti è stata Samsung, che ha installato meno software su Galaxy Note 5 e Galaxy S6 Edge Plus: buono a sapersi (anche perché le app saranno comunque scaricabili da PlayStore).

  • shares
  • Mail