Scoperta una nuova batteria a base di funghi

betteria_funghi.png

Le batterie dei moderni dispositivi elettronici, principalmente sono "batterie agli ioni di litio", una tecnologia ormai (quasi) superata che mette i produttori di smartphone moderni davanti a un problema, la durata. Ebbene sì, il problema di questo particolare tipo di batteria è la durata, che se fino a qualche anno fa coi "cellulari tradizionali" si riusciva ad arrivare anche a una settimana di autonomia, ora, coi nuovi smartphone se vengono utilizzate batterie molto capienti e ottimizzazioni del caso si arrivare ad una giornata intera di utilizzo spinto.

Su rebus delle batterie gruppi di ricercatori lavorano ormai da anni per trovare una soluzione al problema in questione, con tanti risultati tutto molto differenti. Ultima ricerca riguarda una nuova batteria scoperta dai ricercatori dell'Università della California, realizzata "a base di funghi".

Leggi anche: Lenovo Vibe P1, smartphone con batteria gigante all’IFA 2015 di Berlino

Una scoperta molto interessante che mostra come la scienza possa evolversi e realizzare qualcosa di nuovo e assolutamente bizzarro come una batteria a base di Portobello mushroom, conosciuti anche con il nome di champignon. Una cosa quasi surreale, che invece è realtà.

Il vantaggio di questa nuova batteria sarebbe sia di tipo economico (basso costo di realizzazione) e ambientale visto che per realizzare le batterie a litio viene utilizzata la grafite. Difficilmente vedremo una soluzione simile sul mercato anche se mai dire mai.

Via | AH

  • shares
  • Mail