Samsung richiama tutti i Galaxy Note 7: “Pericolo di incendio”

Samsung ha confermato oggi di aver iniziato a richiamare tutti i modelli venduti di Galaxy Note 7, il nuovo top di gamma lanciato appena un mese fa, dopo diverse segnalazioni di esplosioni avvenute mentre i dispositivi erano in carica.

L’azienda sudcoreana, nei giorni scorsi, aveva precisato di aver iniziato ad indagare sulla questione - “condivideremo con voi le scoperte il prima possibile. Samsung è impegnata a fornire prodotti di massima qualità ai propri utenti” - ma oggi è arrivata la conferma: tutti i dispositivi Galaxy Note 7 venduti dal giorno dell’uscita ad oggi saranno richiamati e sostituiti.

Solo pochi giorni fa Samsung aveva confermato di aver già venduto ben 2.5 milioni di dispositivi, che ora dovranno essere sostituiti dal primo all’ultimo. Le modalità di sostituzione non sono ancora state rese note, ma dopo l’annuncio di oggi siamo certi che Samsung non tarderà ad avvisare tutti gli utenti interessati e spiegare come procedere per avere un nuovo dispositivo.

Al 1 settembre, abbiamo ricevuto 35 segnalazioni in tutto il Mondo. Solo 24 unità su una scala di 1 milione hanno riscontrato il problema alla batteria.

A confermarlo, durante la conferenza in cui è stata annunciata la decisione di procedere con la sostituzione, è stato Koh Dong-jin di Samsung:

La sicurezza dei clienti è la nostra principale priorità e abbiamo deciso di sospendere le vendite del Galaxy Note 7 e di offrire una sostituzione del dispositivo a tutti i clienti.

samsung-galaxy-note-7-1.jpg

(in aggiornamento)

Via | TechCrunch

  • shares
  • Mail