Roaming, addio ai sovrapprezzi in tutta Europa dal 15 giugno 2017

parlamento-europeo.jpg

Si parla ormai da tempo dell’abolizione delle tariffe di roaming in tutta Europa e ora finalmente l’ultimo passo in questo senso è stato compiuto: il Parlamento Europeo ha approvato due giorni fa in sessione plenaria a Strasburgo il via libera formale all’accordo che era stato raggiungo il 1° febbraio scorso tra Parlamento, Consiglio e Commissione Europea.

Con 549 voti a favore, 50 astensioni e 27 voti contrari è arrivato il via libera e dal prossimo 15 giugno potremo dire addio ai sovrapprezzi del roaming che tanto ci hanno fatto spendere in questi anni.

A partire da quella data potremo telefonare, inviare SMS e collegarci a Internet quando ci troveremo all’estero, ovviamente in Europa, utilizzando il nostro piano telefonico attivo, senza temere di incappare in spiacevoli sovrapprezzi.

La FAQ pubblicate dalla Commissione Europea parlano chiaro: “Se a casa avete chiamate e SMS illimitati, avrete chiamate illimitati e SMS quando vi troverete in Europa”, nei seguenti Paesi: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Successivamente, in data ancora da fissare, l’abolizione del roaming arriverà anche per Islanda, Liechtenstein e Norvegia.

spese-di-roaming

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail