Motorola spiega il ritardo nell'aggiornamento ad Android 4.0

Android

Un dirigente della Motorola ha spiegato nel dettaglio perché ci vuole tanto tempo per aggiornare i propri terminali alla nuova versione di Android, dopo che Google l'ha lanciata. Si parla di Android Ice Cream Sandwich e le argomentazioni di Motorola sono simili a quelle fornite da altre società. Prima di tutto, Motorola smentisce che i ritardi siano dovuti alle personalizzazioni dell'interfaccia utente.

Il colpevole principale è, a quanto pare, l'hardware: più i chipset e le connettività variano per diversi paesi, più diventa complicato adattare il codice per ognuno di essi. Secondo Motorola, aggiornate terminali con sistema operativo Windows Phone è molto più semplice, per esempio, in quanto vi è un solo chassis standard. Vita più semplice lo hanno anche gli smartphone Sony, dato che utilizzano solo chipset Qualcomm. Per Motorola, invece, è tutto più complicato perché l'azienda utilizza una serie di chipset e connettività diverse a seconda dei paesi in cui vengono commercializzati i telefoni.

Solo in un secondo tempo avviene la personalizzazione dell'interfaccia utente, ma si tratta in realtà del passaggio più breve, a seguito del quale il telefono deve essere nuovamente certificato dagli operatori e questi ultimi richiedono tempi lunghi, più di quanto si speri. Le spiegazioni di Motorola combaciano con quelle di Sony, che ha spesso spiegato nella medesima maniera il ritardo nel rilascio degli aggiornamenti.

Via | PCMag

  • shares
  • Mail