Google attiva il ballot screen su Android

Aprendo il Google Play Store vengono mostrate due schermate che consentono all'utente di scegliere il motore di ricerca e il browser alternativi a Google Search e Chrome.

Android Pie

In seguito alla multa di 4,34 miliardi di euro comminata dalla Commissione Europea per abuso di posizione dominante, Google ha deciso di offrire agli utenti la possibilità di scegliere il motore di ricerca e il browser alternativi. A distanza di circa tre mesi è stato attivato finalmente il cosiddetto "ballot screen" su Android.

Le due schermate di scelta dovrebbero apparire all'apertura del Google Play Store o dopo aver toccato la voce "Le mie app e i miei giochi" nel menu laterale. Gli screenshot visibili in seguito mostrano le opzioni disponibili sullo smartphone del sottoscritto (un Motorola Moto G6 Plus) con Android 9 Pie, Google Play Store 15.3.14 e Google Play Services 17.7.85.

Android ballot screen

Sembra però che l'elenco dei motori di ricerca e dei browser sia lo stesso per tutti, ma cambia solo l'ordine nell'elenco. Le alternativa a Google Search sono quindi Microsoft Bing Search, Qwant, Ecosia e DuckDuckGo, mentre le alternative a Chrome sono Mozilla Firefox, UC Browser, Opera e Puffin Web Browser. L'utente può accettare le app di Google preinstallate sul dispositivo, toccando il pulsante "No grazie", oppure procedere al download delle alternative, toccando il pulsante "Installa". Per leggere una breve descrizione delle app è sufficiente toccare la piccola freccia verso il basso accanto al nome.

Google ha presentato ricorso contro la multa, in quanto ritiene che gli utenti hanno sempre avuto la possibilità di scegliere quale browser e motore di ricerca utilizzare su Android. La vicenda ricorda il famoso "ballot screen" di Microsoft che mostrava le alternative a Internet Explorer, all'epoca dominatore del mercato. Il browser è stato abbandonato dall'azienda di Redmond e sostituito con Edge che curiosamente è basato su Chromium.

  • shares
  • Mail