A Nottingham il cellulare finisce in carcere

prigioneLa città divenuta famosa per le imprese del leggendario Robin Hood, fa ancora parlare di sè per motivi, diciamo così, giudiziari. E' il primo posto al mondo, infatti, in cui i detenuti possono utilizzare il telefono cellulare nelle loro celle. A Lowdham Grange, il penitenziario locale di Nottingham, il direttore di questa struttura privata di categoria B ( dove si scontano, cioè, in prevalenza condanne per furto e sostanze stupefacenti) ha preso una decisone che sicuramente farà discutere. La motivazione addotta è la seguente: dare agli "ospiti" un'opportunità di comunicare con i propri parenti ed amici può stimolarli a voler uscire e a mantenere una buona condotta al fine di guadagnare uno sconto di pena. A dire il vero questo non è l'unico confort di cui godono gli inquilini di quello che è stato definito come un penitenziario "progressista"; sono disponibili infatti all'interno delle celle anche TV satellitare e docce.

Il progetto che ha spaccato nettamente l'opinione pubblica in favorevoli ( soprattutto le organizzazioni per i diritti dei detenuti) e in contrari ( chi pensa che la prigione deve essere un luogo di detenzione non un luogo in cui sentirsi a prorpio agio), prevede la fornitura di telefonini in tutte le 500 celle della struttura. C'è chi giura che il cellulare in realtà lo ha sempre avuto in carcere, prontamente nascosto dietro la schiena. Almeno adesso non dovrà avere paura di ricevere telefonate. [via The Inquirer]

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: