Smartphone, una svolta: il traffico Internet sorpassa gli sms in Italia


L’Italia è di qualche misura indietro rispetto agli altri paesi dell’Unione Europea per quanto riguarda la diffusione delle linee internet a banda larga. Secondo quanto è stato registrato un anno fa, infatti, solo il 22% degli italiani erano raggiunti dalla linea su rete fissa, pochi se confrontati contro i 35,7%, 33,4% e 31,7% di Francia, Germania e Regno Unito.

Al contrario la navigazione internet su rete mobile ha avuto un’ingente crescita ultimamente. I dati sono riportati dalla relazione annuale dell’AGCOM che segnala il sorpasso dei ricavi da SMS da parte di quelli relativi alla navigazione internet. Se i primi sono comunque in crescita del 1,5% ed ammontano a 2,33 miliardi di euro, i secondi si assestano a 2,41 miliardi con un aumento registrato pari al 17,7%.

La diffusione di smartphones e tablet è sicuramente la causa di questo boom data l’esperienza di utilizzo più varia ed agevole che questi dispositivi sono in grado di offrire. Ne sono testimoni anche l’incremento di SIM attive nel nostro paese che, con un aumento di 2,2 milioni di unità, sono passate a quasi 96 milioni, ed il traffico vocale da rete mobile che ormai supera del 60% quello su rete fissa.

I consumatori Italiani sono sempre più alla ricerca di tariffe convenienti che mettano al sicuro da spese esagerate i propri budget e garantiscano un buon connubio tra servizi tradizionali e navigazione internet e per questo motivo gli operatori di telefonia mobile sono sempre più specializzati nell’offrire tariffe .

Tra abbonamenti con canone mensile, alcuni con smartphone incluso, e servizi ricaricabili, gli operatori si rincorrono nel proporre le offerte più convenienti ed accattivanti, garantendo le migliori soprattutto a quei clienti che cambiano gestore portando il loro numero telefonico - i più competitivi, in quanto ad offerte economiche, sono solitamente Wind, Tim e 3 Italia -.

Via | corriere.it | repubblica.it

  • shares
  • Mail