3 italia e 3 UK in vendita

Tre Italia - H3GUn articolo inizialmente apparso sul Times e ripreso da IlSole24Ore mette in luce una strategia del tutto inaspettata di Hutchison Whampoa, società che possiede il marchio telefonico 3.

Voci insistenti confermano che l'azienda abbia messo in vendita la divisione italiana, 3 Italia, e anche quella inglese, 3 UK. La stessa Goldman Sachs si sarebbe presa in carico l'onere di inviare i prospetti di vendita alle aziende più quotate nel settore.
La motivazione che risiede in questa scelta dovrebbe ricercarsi tra le gravi perdite del gruppo H3G consolidatesi dall'avvio nel 2003 delle attività: si parla di una cifra che sfiora i 115 miliardi di dollari. La scelta di abbandonare l'Italia, anche se forte di una perdita di fatturato del 4% a causa dei mancati incassi di costi di ricarica e penali, è decisamente strana: in un mio recente articolo parlavo di H3G come di un successo solo italiano, visto che di tutto il gruppo (in totale nove divisioni) quasi il 50% dei clienti è nostrano. Che cosa ne sarebbe dell'intero gruppo dopo una simile vendita?

I colossi interessati potrebbero essere diversi: si spazia da T-Mobile a France Telecom, passando per Orange, tutte aziende che bene o male si erano affacciate al nostro mercato attraverso partecipazioni o tentativi d'acquisto (di Wind).

Come conclude il Times, 3 Italia non ha smentito, ma ha rifiutato di fare ogni tipo di commento.

Partendo dal presupposto che lo stesso Sawiris abbia deciso di uscire con la propria quota da Wind, si allontanerebbe l'ipotesi ventilata qualche tempo fa di un acquisto da parte di Wind a 3 Italia, che si era mestamente tramutata in un anticipo d'accordo per la condivisione della rete, attraverso una terza azienda che doveva controllare le torri (ripetitori).

Considerando i tagli ai costi di terminazione in arrivo per 3 Italia, il suo margine potrebbe ulteriormente deprezzarsi, con aggravamento delle perdite e -soprattutto- perdita ulteriore d'appeal per eventuali venditori.
Insomma, quest'autunno si preannuncia decisamente caldo; nei prossimi mesi potrebbero assistere a cambiamenti molto profondi. Infondo, non è passato poi così tanto tempo dall'epoca in cui abbiamo visto tramutare il felice marchio Omnitel (e il suo carrozzone di ottime tariffe) in Vodafone.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: