iPhone 5 porta rogne, Apple citata in giudizio per la 4G

iPhone 5 Apple continua a riscuotere successo presso i consumatori con iPad Mini e iPhone 5, ma proprio non riesce a liberarsi di una concorrenza sempre più agguerrita sotto tutti i punti di vista: questa volta ad attaccarla non è stata Samsung – che intanto corre il rischio di pagare una multa di ben quindici miliardi –, ma Adaptix; il motivo scatenante? La tecnologia 4G necessaria per tenere sotto controllo il traffico dei prossimi anni.Per chi non ne fosse a conoscenza, fra le tante promesse della tecnologia di quarta generazione la migliore è sicuramente quella che consente alle imprese di sostenere un traffico di dati immenso: nel 2009 questo si aggirava attorno a 1 Exabyte (1000 Terabyte), ma si prevede che entro il 2017 possa arrivare a oltre 1 Zettabyte (1000 Exabyte); tale passaggio radicale – visto che la 4G promette molte altre funzionalità e rappresenta, perciò, una vera e propria rivoluzione – è risultato insomma necessario.

Peccato che Apple debba fare i conti con l’accusa di Adaptix di aver violato un brevetto legato proprio a questa tecnologia, non con iPad da 9.7 pollici, bensi con i già citati iPhone 5 (che proprio grazie a G-Form si è reso protagonista di una bellissima notizia) e iPad Mini, due tra i punti maggiori di forza del gigante di Copertino: Adaptix ha sottolineato la violazione dei brevetti 7.454.212 e 6947748, presentando la causa in Texas e sperando, ovviamente, in una vittoria schiacciante.

Ogni grande successo – si sa – porta con sé le sue fastidiosissime rogne: che ne sarà di Apple?

Via | Patentlyapple

  • shares
  • Mail