Il Galaxy Note 3 avrà processore Exynos5 Octa e schermo da 6.3"

Samsung al CES 2013 ha presentato il suo nuovo processore Exynos 5 con architettura Arm Cortex A-15 e otto core, ma non ha mostrato nessun tablet o smartphone che lo equipaggiasse. Le indiscrezioni dicono che saranno i futuri prodotti ad averlo, per esempio il Galaxy S 4 ed il futuro Galaxy Note 3.

Il dato è confermato da Samsug al Korea Times. Bisogna però prendere un po le pinze questa informazione, dato che è un'ipotesi, anche se la rivista è molto accreditata e sopratutto molto vicina a Samsung.

Questo processore avrà una potenza al top grazie all'adozione di ben otto core con architettura mista, quattro core con ARM Cortex A-15 e quattro con ARM Cortex A-7. Una soluzione tecnica interessante perchè i primi verrebbero usati per le funzioni ad alte prestazioni, i secondi invece per calcoli meno impegnativi ma più attenti al consumo della batteria.

Oltre che un puro sfoggio di tecnologia è anche una mossa di marketing di Samsung, non credo che la maggior parte degli utenti apprezzerà bene che Exynos 5 userà solo 4 core alla volta su 8 totali.

Le notizie non si fermano qui, la casa Coreana ha preso una piccola batosta mediatica con la presentazione dell'Huawei Ascend Mate, che ha detronizzato il phablet di Samsung in qualità di "phablet" con schermo più grande al mondo. La risposta sembra già in cantiere, infatti si vociferà che il sostituto del Note avrà dimensioni molto più generose, arrivando ad avere uno schermo da 6.3" full HD Super Amoled, spazzando via il concorrente non solo per dimensioni ma sopratutto per prestazioni.

Via | Tabletblog.de

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: