Apple brevetta zoom iOS dopo tre anni, la lente d'ingrandimento è finalmente sua

Apple zoom ios

Chi possiede uno smartphone o qualsiasi dispositivo firmato Apple sa bene di cosa stiamo parlando: la lente di ingrandimento che si attiva quando si scorre sul testo è stata brevettata, ed è soltanto una delle vittorie che per questo 2013 la Grande Mela si prefigge di portare a casa; sapete tutti che, pur essendo stati inferiori alle aspettative, i risultati finanziari dell’ultimo trimestre del 2012 sono tutt’altro che negativi e fanno sperare che la compagnia riuscirà a portare avanti tutti i suoi progetti.La licenza della lente di ingrandimento era stata chiesta tre anni fa dal gigante di Cupertino (che, intanto, dovrà vedersela assieme a Google, Intel e altre due compagnie con le accuse di accordi illeciti firmati per evitare che i propri dipendenti “migrassero” tra quelli della concorrenza); l’attesa è stata lunga – e i sentieri impervi – ma l’ok alla fine è arrivato:  “Strumenti, metodi ed interfaccia grafica per la gestione e la manipolazione di elementi dell'interfaccia utente”, questa la definizione che ne ha dato Apple.

Approvata lo scorso 22 gennaio con il numero 8.358.281 di protocollo, dicevamo che l’applicazione è una tra le prime vittorie di questo nuovo anno e, visto che è stata chiesta tanto tempo fa, ci si aspettava una descrizione diversa, più chiara; l’azienda, invece, è stata molto ambigua: si parla di “strumenti” “metodi” “interfaccia”, senza fare minimamente riferimento a cosa rappresenta effettivamente questa lente d’ingrandimento.

Cosa si nasconde dietro a cotanto tecnicismo? Proprio nulla, ovviamente: già sappiamo di cosa si tratta.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: