Mobile OS emergenti: Firefox vs. Tizen vs. Ubuntu

Il Mobile World Congress di quest'anno ha visto la presentazione, tra le altre cose, di tre nuovi sistemi operativi per il mondo degli smartphone: Firefox Mozilla, Tizen e Ubuntu. Si tratta di tre OS open source che sperano di riuscire a fare concorrenza a Google Android, il più diffuso sistema operativo per smartphone al mondo. Cosa aspettarci da ognuno dei tre?

Firefox OS si è distinto per le basse specifiche tecniche che uno smartphone deve avere per far “girare” il sistema operativo: processore single core da 800 Mhz , 256 MB di RAM e display QVGA. L'obiettivo che Mozilla vuole raggiungere è quello del mercato di fascia bassa, considerando anche che le aziende che si sono già interessate a questo nuovo OS mobile sono, tra le altre, anche ZTE e Huawei (mentre Telstra è ancora indecisa), aziende che puntano proprio ad una fascia di utenza che non vuole spendere molto.

Tizen è un sistema operativo nato dalle ceneri di Nokia MeeGo ed è stato pensato per smartphone, tablet e smart TV. “Dietro” Tizen ci sono Intel e Samsung, con la seconda che spera di poter far prendere piede al sistema operativo e tagliare un po' la sua dipendenza da Google Android. Oltre alla casa sud coreana, sono interessante a Tizen anche Fijutsu e Huawei.

Ubuntu è un nome molto noto tra gli utenti desktop e portatili: si tratta del più diffuso sistema operativo Linux attualmente disponibile sul mercato. Canonical, azienda che sta dietro l'OS, ha confermato che le specifiche tecniche minime per uno smartphone al fine di far girare Ubuntu sono un processore dual core da 1GHz e una RAM da 512 MB. Questo comporta che l'azienda con sede nell'Isola di Man punterà in maniera principale alla fascia media e a quella alta del mercato.

Via | asia.cnet.com

  • shares
  • Mail