Nel 2012 Android ospita il 79% dei malware mobile


Android non è di certo la causa di tutti mali, lo è però di gran parte dei mali che riguardano la sicurezza informatica nel mondo mobile. O sarebbe meglio dire che è il terreno più fertile per la loro proliferazione, secondo la constatazione di uno degli ultimi studi condotti sulla sicurezza informatica mobile.

L’analisi è stata emessa dal gruppo di ricerca F-Secure ed indica il sistema operativo Android come maggior esponente quanto a presenza di malware sulla sua piattaforma, un numero in grande crescita col susseguirsi delle stagioni.

Il sistema operativo di Google, quindi, non è solamente il più popolare tra gli utenti e gli acquirenti ma anche, logicamente, tra i creatori di software disegnati per sfruttarne le debolezze.

Che Android fosse particolarmente esposto all’introduzione di software maligni nel suo ecosistema non è né un segreto né una novità. Con l’aumentare della sua popolarità e della sua diffusione la lista di malware su Android si è allungata vertiginosamente soprattutto negli ultimi tempi.

I numeri parlano chiaro: secondo F-Secure ad Android è accreditabile il 79% dei malware mobile esistenti nel 2012, numero in aumento rispetto al 66% dell’anno precedente e con un picco del 96% se si considera solamente il periodo dell’ultimo trimestre 2012. Questo inoltre lo lascia in posizione diametralmente opposta al suo principale concorrente, iOS, a cui si attribuisce una presenza dello 0,7% di malware.

I pericoli e le minacce che affliggono Android sono di vario genere ed in testa vi sono sicuramente i malware di tipo trojan come ad esempio quelli legati a Zitmo, e le fonti sono tanto le app non certificate quanto quelle reperibili nel Play Store, vulnerabili dal punto di vista della sicurezza.

Le proiezioni indicano che la situazione per Android non migliorerà nel futuro. Secondo quanto asserito da uno studio di TrendMicro, dovremo infatti aspettarci che nel 2013 il numero di malware presenti su Android vada a sfiorare il milione.

Via | TechCrunch.com

  • shares
  • Mail