Il padre di CyanogenMod, Steve Kodnik, lascia Sasmsung

Samsung Galaxy S4
Torniamo a parlare ancora della nuova ammiraglia di Samsung in arrivo, il Galaxy S4, guardandola attraverso il punto di vista di un personaggio eminente che si è appena distaccato dalla compagnia coreana.

Negli ultimi giorni si è parlato molto, attraverso smentite e conferme, della possibilità dell’arrivo di una componente importante legata ad Android, il CyanogenMod, la nota ROM disponibile per diversi dispositivi basati sulla piattaforma di Google.

Oggi invece Steve Kondik annuncia, attraverso un comunicato su Google+ di aver lasciato Samsung, e cita il nuovo top di gamma.

Ottimo il dispositivo, meno l’interfaccia

Per chi non lo sapesse, Steve Kondik è il fondatore nonché sviluppatore capo di CyanogenMod, ROM che si propone di potenziare l’esperienza di utilizzo di Android, attraverso numerosi dispositivi, integrando nuove funzionalità.Kondik è entrato a far parte dello staff di Samsung quasi due anni fa, nell’agosto del 2011, lavorando alacremente per potenziare Android, pur mantenendosi attivo riguardo a Cyanogen.

Secondo la sua opinione il Samsung Galaxy S4 è un ottimo dispositivo. Dal punto di vista hardware è difficile da criticare e sbaraglia inequivocabilmente i top di gamma della concorrenza offrendo risultati indubbiamente superiori. Porta anche con se ottime qualità, come ad esempio un design solido sebbene non innovativo, oltre ad una grande quantità di funzionalità utili.

A detta di Kondik l’interfaccia TouchWiz è in parte deludente, però: sebbene ci siano stati evidenti miglioramenti dal punto di vista della godibilità e della leggerezza sono stati fatti dei passi indietro come ad esempio per quanto riguarda la grande quantità di pop-up e messaggi di “Loading…”

CyanogenMod ci sarà sul Galaxy S4


Alla fine del suo messaggio Kondik lascia una porta aperta per quanto riguarda la presenza di CyanogenMod sull’S4.

Il principale ostacolo nell’avvento della ROM sul dispositivo è l’incompletezza del codice sorgente relativo ai processori Exynos rilasciato da Samsung ed una generalizzata disaffezione dell’ecosistema di sviluppatori per la ditta coreana.

Secondo Kondik, però, non dovrebbero esserci problemi per il funzionamento di CyanogenMod sui modelli basati sul chip Snapdragon.

Via | TheVerge.com

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: