Google e Microsoft insieme per portare YouTube su Windows Phone

Novità per l’app dedicata a YouTube su Windows Phone 8: Microsoft e Google si impegnano in una collaborazione per portarla sul sistema operativo di casa Redmond.



La disputa tra i due giganti della tecnologia americani Google e Microsoft non ha bisogno di molte introduzioni. L’annosa contesa si svolge su diversi fronti ed i contendenti non risparmiano i colpi adottando diverse linee di condotta, come ad esempio le denunce di mancanza di correttezza da parte di Google sollevate da Microsoft.

Un altro degli argomenti attorno al quale la discussione tra le due compagnie è più accesa è quello che riguarda l’app per Windows Phone 8 dedicata a YouTube.

Il blocco


Windows Phone 8 manca di un servizio completo per la visualizzazione dei contenuti di YouTube questo perché Google si è finora rifiutata di consegnare alla compagnia di Redmond l’accesso ai metadati che ne consentirebbero la creazione, obbligando Microsoft ad offrire ai propri utenti un semplice visualizzatore per la versione mobile del sito.

Dopo diverse lamentele, Microsoft ha finalmente deciso di creare autonomamente una app di alta qualità che però, a causa di alcune violazioni, ha incontrato la disapprovazione di Google che ne ha richiesto la rimozione dal Marketplace di Windows Phone.

La soluzione


Il gesto ardito di Microsot, comunque, pare aver sortito qualche effetto. Le richieste di Google sono state accontentate parzialmente con l’inserimento di una versione dell’app che non contempla le inserzioni pubblicitarie. Le due compagnie, in ogni caso, si dicono vicine alla risoluzione del problema attraverso una comunicazione ufficiale.

Microsoft e YouTube stanno lavorando assieme per aggiornare la nuova app di YouTube per Windows Phone in modo tale da renderla conforme ai termini di servizio delle API di YouTube, inclusi gli avvisi pubblicitari, nelle prossime settimane. Microsoft sostituirà l’app di YouTube attualmente esistente nel Windows Phone Store con la versione precedente durante questo periodo.

Resta da vedere nei prossimi giorni se si tratta davvero di una tregua duratura.

Via | Mashable.com

  • shares
  • Mail