Delibera Agcom: rivoluzione per le portabilità

mnp Grandi novità verranno introdotte entro la fine del mese di giugno nel campo delle mnp dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Delibera 78/08/CIR dell'Agcom, "Norme riguardanti la portabilità del numero mobile": sei sono i mesi di tempo concessi agli operatori per adeguare le proprie procedure. Tale deliberà avrà conseguenze molto importanti relativamente ai seguenti aspetti:


  • il tempo massimo concesso per il completamento della pratica diventerà di tre giorni lavorativi; tutte le richieste verranno inoltrate entro le ore 19:00; la validazione da parte dell'operatore cedente avviene entro le 10:00 del giorno successivo; la portabilità deve concludersi entro i successivi 2 giorni lavorativi;
  • la procedura di portabilità diventa gratuita, per gli utenti ma anche per i gestori;

  • gli operatori sono tenuti ad aumentare la propria capacità di evasione giornaliera degli ordinativi (stabilita in 12.000 pratiche/giorno per Tim e Vodafone, 9000 per Wind e H3g, 500 per gli operatori virtuali) in base alle richieste di mercato; tale provvedimento deve essere attuato se viene raggiunto in media l'80% della propria capacità giornaliera;

  • gli operatori cedenti non potranno richiedere l'interruzione della pratica se non per motivazioni ben precise (elencate nell'articolo 5): non saranno più possibili offerte di retention.


L'aspetto che maggiormente andrà a modificare il comportamento dei gestori è rappresentato proprio da questa ultima disposizione: la pratica può essere interrotta solo per cause tecniche (mancanza di dati, incongruenze tra i dati forniti...) e non perché il gestore riesce a convincere il proprio cliente a rimanere tale, offrendo condizioni più vantaggiose pur di trattenerlo. Verrà così ad essere eliminata una prassi che vede gli operatori impegnarsi nel tentativo di agevolare il cliente solo nel caso in cui vedano concretizzarsi la minaccia di perderlo: si tratta di una occasione che, nella maggior parte dei casi, viene sfruttata appieno non tanto dal cliente medio quanto da quello esperto, che ben conosce il mercato (i "furbetti").

Obiettivo di tali provvedimenti è sicuramente quello si spingere i gestori ad agire sulla propria offerta commerciale, rendendola sempre più appetibile e conveniente per i clienti: solamente tariffe e promozioni effettivamente vantaggiose incentiveranno le pratiche di portabilità.

Le altre decisioni prese avranno conseguenze meno vistose: di sicuro le operazioni saranno più snelle e veloci; l'azzeramento dei costi per il cliente, invece, passerà quasi inosservato. Già adesso, infatti, le portabilità sono gratuite: al momento della richiesta è comunque necessario acquistare la sim per richiedere il passaggio. Per gli operatori Wind, Vodafone e H3g, invece, la portabilità può essere richiesta anche su sim già esistenti.

[via Worldmobile]

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: