HTC verso la resurrezione, il CEO Peter Chou punta al 15% di market share nel mondo

HTC è intenzionata a dare il massimo per raggiungere il 15% di market share in tutto il mondo

CEO HTC Peter ChouPeter Chou è più determinato che mai: il CEO di HTC si è detto pronto a tutto pur di riportare la sua azienda ai fasti di un tempo e cioè a un market share degno dell'importanza che la compagnia aveva nel 2011. In occasione della conferenza con azionisti e stampa, il boss HTC ha spiegato che intende raggiungere il 10-15% di share mondiale: una cifra molto sostanziosa, alla quale contribuirà senz'altro il mercato indiano, destinato a diventare - almeno secondo le ultime analisi - il punto di forza dei taiwanesi.

Si tratta soltanto di un sogno, però. Almeno per il momento, infatti, sappiamo che HTC è ancora ferma al 5%, a causa di un 2012 che non è stato disastroso: di più. Grazie all'amato HTC One e ai vari dispositivi che verranno, la situazione è destinata senz'altro a migliorare - soprattutto se le campagne marketing saranno azzeccatissime -, ma bisogna evitare di volare troppo con la fantasia.

"[...] Siamo determinati - queste, le parole di Chou - a fare il nostro meglio per aumentare la percentuale al 10/15% in futuro", replicando il successo di due anni fa, quando lo share di HTC era al 10% e in alcuni paesi persino del 30.

Secondo noi, l'azienda ha tutte le carte in regola per farcela: riducendo un po' i prezzi e insistendo di più sul marketing - come sta già facendo, del resto -, questi obiettivi potranno essere realizzati non con facilità, ma quasi.

  • shares
  • Mail