Batterie smartphone in legno per il futuro? Dal Maryland grandi novità (VIDEO)


Una batteria smartphone in legno per il futuro? Non è una bufala, ma una scoperta di un gruppo di scienziati dell'Università del Maryland: una scheggia di legno rivestita di stagno potrebbe diventare una batteria a tutti gli effetti, un po' come quelle attuali ma molto più rispettosa dell'ambiente (questo è ovvio). Anche se nel video è spiegato tutto nel dettaglio, qui cercheremo di fare il punto della situazione.

I componenti della batteria sono mille volte più sottili di un foglio di carta; il litio è stato sostituito dal sodio, che però immagazzina meno energia: ecco perché batterie del genere non potranno mai avere piccole dimensioni. Certo è che - secondo i ricercatori - saranno in grado di concentrare grandi quantità di energia in un solo colpo.

E non è finita qui: gli studiosi hanno scoperto che queste fibre di legno, essendo molto flessibili, potrebbero consentire più di 400 cicli di ricarica, per una durata senza ombra di dubbio soddisfacente.

"L'ispirazione è arrivata dagli alberi - queste, le dichiarazioni di Hu, assistente alla cattedra di Scienza dei Materiali -. Le fibre di legno che compongono un albero trattengono acqua ricca di minerali, quindi sono ideali per la memorizzazione di elettroliti liquidi".

E poi ancora:
"Immettere ioni di sodio attraverso anodi di stagno - ha continuato Li - spesso indebolisce la connessione dello stagno con il materiale il suo materiale di base. Le fibre del legno però sono sufficientemente morbide per fungere da cuscinetto meccanico".


La ricerca sta continuando e i risultati potrebbero essere sorprendenti. Che ne pensate? L'esperimento vi interessa?

  • shares
  • Mail