BlackBerry Curve 8900: recensione dell'ultimo nato in casa RIM

Recensione BlackBerry Curve 8900

Smaltito il lavoro sul Mobile World Congress, vi presentiamo la recensione del BlackBerry Curve 8900, ultimo lancio di RIM per quanto riguarda gli smartphone della serie Curve.

Dopo lo Storm, quindi, i BlackBerry tornano al form factor originario con questo 8900 dotato di QWERTY, modulo telefonico EDGE, GPS, Wi-Fi, fotocamera da 3.2 megapixel e schermo con risoluzione 480x360.

Partendo dalle caratteristiche fisiche, il Curve 8900 si distingue per il design ricercato e le forme meno ingombranti rispetto al Bold. Sotto allo schermo troviamo la classica perla (quì in colore scuro e migliore rispetto all'8110), i tasti menu, back e chiamate a la tastiera.

Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900

Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900

Come da standard della serie i tasti laterali sono quelli dedicati al vivavoce (riassegnabile ad un programma a nostra scelta), controlli volume e fotocamera. Completa la dotazione il jack da 3.5 mm per gli auricolari stereo e la connessione microUSB per alimentazione e dati.

La qualità costruttiva generale ci è sembrata buona, anche se rispetto allo Storm ci troviamo con una cornice metallizzata di qualità inferiore e con la cover per la batteria in plastica. La QWERTY risulta comoda da usare anche per dita non troppo sottili e permette qualche errore solo durante la digitazione frenetica.

Passando al software e all'utilizzo, il Curve 8900 è equipaggiato con la versione 4.6 del sistema operativo di RIM e mostra la nuova interfaccia inaugurata con il Bold e lo Storm.

Le applicazioni installate di default, quindi, sono le classiche dedicate a mail, messaggi e PIM (con calendario e rubrica perfettamente integrati con le mail e di facile utilizzo) insieme al settore web e multimedia. Nonostante le dimensioni dello schermo inferiori rispetto allo Storm, la navigazione web è comunque piacevole e completa, complice la buona risouzione del display.

Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900

La presenza della QWERTY fisica, inoltre, risulta sicuramente un vantaggio in molte applicazioni permettendoci, ad esempio, di utilizzare la funzionalità "find as you type" che effettua una ricerca in real time di mail o contatti della rubrica mentre digitiamo.

Google Maps e Facebook sono già installati fra le applicazioni ma, sul sito ufficiale, sono disponibili anche Windows Live Messenger, Flickr e Youtube. Se la tecnologia EDGE si rivela migliore dell'UMTS per quando riguarda i pacchetti di dati generati da mail e IM, proprio riguardo a Youtube perde in efficienza, costringendoci a tempi di caricamento maggiori.

Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900

La vocazione business dell'8900, però, fa si che Youtube e il settore multimediale siano meno necessari, nonostante la gestione di foto, video e audio sia affidata allo stesso centro multimediale in dotazione allo Storm e al Bold.

Sia le mappe di Google Maps che quelle BlackBerry si sono comportate bene in associazione con il GPS che è risultato rapido nel fix con l'A-GPS e ha mostrato una buona tenuta del segnale anche in contesti cittadini.

La dotazione software è completata dalla suite per la gestione dei documenti office e da una serie di giochi pre-caricati.

In conclusione il Curve 8900 ci ha soddisfatti in quasi tutte le sue caratteristiche: lo schermo è dotato di una definizione più che buona e di una resa cromatica perfetta, grazie anche alla luminosità auto-regolata a seconda delle condizioni ambientali. La tastiera supera la prova di utilizzo e, nonostante più piccola di quella del Bold, lascia poco spazio agli errori di digitazione, soprattutto quando ci si è abituati all'uso.

Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900

Nel periodo dei nostri test l'8900 ha mostrato una stabilità di sistema impeccabile mentre il segnale negli interni ha sofferto qualche calo con scheda Tim (Vodafone si è comportata meglio). Nulla da dire sulla durata della batteria, perfettamente dimensionata per un uso business e in grado di reggere per due giorni di uso intenso e addirittura tre in caso si effettuino poche chiamate e si ricevano poche mail. Molto utile, infine, il Wi-Fi che, a differenza dello Storm, ci ha permesso di utilizzare internet anche all'estero dove la flat dei gestori italiani diventa carta-straccia.

Quasi privo di difetti (se non una qualità costruttiva inferiore al solito per alcune plastiche e un segnale non al top), il Curve 8900 ci fa storcere il naso per il prezzo, specie se comparato con Storm e Bold che offrono qualche miglioria tecnologica in più con un prezzo di lancio inferiore. Una volta sceso a 350€, però, risulterà sicuramente un acquisto obbligato per chi volesse aggiornare il proprio BlackBerry della serie Curve o Pearl.

A questo proposito e come nota conclusiva, è sicuramente da elogiare la possibilità offerta dal Desktop Manager di trasferire file e impostazioni da un vecchio BlackBerry a quello nuovo con una procedura guidata facile da utilizzare.

Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900
Recensione BlackBerry Curve 8900

  • shares
  • Mail