BlackBerry developer conference: tante succose novità per gli sviluppatori



Siamo a San Francisco per seguire la seconda BlackBerry developer conference, iniziata oggi con una serie di novità molto interessanti per chi sviluppa o ha intenzione di rilasciare applicazioni per la piattaforma BlackBerry.

Nel corso della mattinata si sono susseguiti una serie di Keynote dove tra partner di spicco (Adobe, Yahoo!, Ebay, Oracle) e sviluppatori di eccezione (Xobni, EA) abbiamo avuto modo di vedere cosa bolle in pentola per il 2010.

Tra le novità più importanti per gli sviluppatori annunciate oggi abbiamo:


  • Piattaforma di adserving centralizzata. BlackBerry ha cercato di venire incontro alle necessità di monetizzazione da parte degli sviluppatori con un sistema completo che si prende in carico tutte le problematiche legate alla raccolta di pubblicità. Dagli accordi con gli adnetwork alla erogazione delle campagne, dalla reportistica al billing, una sola libreria e poche righe di codice permettono ora di integrare annunci pubblicitari in modo rapido e funzionale.

  • Sistemi di pagamento in-app. API complete per la vendita di abbonamenti o feature all'interno di un'applicazione; un sistema molto simile a quanto fornisce già Apple agli sviluppatori iPhone. Nel 2010 BlackBerry, a differenza di Apple, supporterà anche il billing attraverso gli operatori.

  • Notifiche push. Da oggi le notifiche push saranno disponibili a tutti gli sviluppatori.

  • OpenGL ES. Supporto delle librerie OpenGL ES per l'implementazione di giochi con grafica 2D e 3D.

  • BlackBerry Flow. Un sistema molto interessante che permette alle applicazioni di rendere disponibili servizi ad altre applicazioni. Sarà quindi possibile per una applicazione richiamare una funzionalità di un'altra applicazione senza perdere il contesto.


Un paio di cose in particolare mi hanno colpito: l'attenzione di RIM verso gli sviluppatori e il sistema BlackBerry Flow (con le applicazioni che possono andare in background rimanendo comunque attive). Due cose che ora, sicuramente, mancano a Apple.

  • shares
  • Mail